VIVERE E INVECCHIARE CON I ROBOT

Domani, martedì 28 febbraio, appuntamento all’Aula Azzurra della facoltà di Ingegneria di Ancona alle 13:30 per il doppio seminario con Ezio Bartocci dell’Università of Technology di Vienna su “Progettazione e analisi di sistemi ciber-fisici” e Paolo Dario della Scuola Superiore Sant’Anna che parlerà di “Robot Companions: vivere ed invecchiare con i robot”. Dario è docente di Robotica Biomedica e si occupa principalmente di biorobotica e di robotica per la chirurgia, microendoscopia e riabilitazione. Su questi temi ha pubblicato oltre 140 articoli sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali ed è inoltre titolare di circa 20 brevetti internazionali.

Nella sede dell’Università Politecnica delle Marche è nata la prima sezione italiana della IEEE (Istitute of Electric and Electronics Engeneers) Consumer Electronics Society. Fondata nel 1884, l‘IEEE è un’organizzazione senza scopo di lucro che ha più di 330.000 membri in 150 paesi. Attraverso i suoi membri l’IEEE è un catalizzatore per l’innovazione tecnologica nei settori come l’ingegneria informatica, energia elettrica, aerospaziale ed elettronica di consumo, tecnologia biomedica e le telecomunicazioni, per citarne solo alcuni.

Al suo interno ci sono varie sezioni: quella dedicata al Consumer Electronics oggi ha sede all’Univpm ed è la prima sezione autonoma italiana sui temi attualmente di grande interesse quali internet of things, smart homes ed e-health. Questo è un grande riconoscimento per le attività di ricerca e applicazione svolte in Italia, in particolar modo alla Politecnica, per la loro qualità e la loro rilevanza a livello internazionale. Si tratta di una vetrina unica per tutte le attività che i diversi gruppi di ricerca Univpm portano avanti facilitando la contaminazione e il supporto reciproco.

Il team Univpm è composto da 20 persone guidate da Lucio Ciabattoni: “È un onore per me essere il Founding Chair di questa sezione e invito tutti coloro che operano nel settore a unirsi a noi e proporre attività a beneficio della comunità italiana in ambito scientifico, industriale, professionale, e studentesco, interessata ai suddetti temi, nonché per la cittadinanza in generale”.

Autore dell'articolo: Ilaria Traditi

giornalista, web writer, content editor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *