GLI ABITI DI STELLA JEAN: LO STILE WAX & STRIPES VIAGGIA TRA I CARAIBI, L’AFRICA E L’EUROPA

Ecco un perfetto esempio di contaminazione, un riuscito métissage tra stili etnici e mediterranei, i Caraibi esuberanti che flirtano con la rigorosa Europa in un inconfondibile mix “Wax & Stripes”. Non a caso Stella Jean, fashion designer romana, di madre haitiana e padre torinese, si è presto imposta sulla scena fashion internazionale grazie ai suoi capi vivaci, divertenti e colorati, un vero e proprio inno alla vita. I suoi look sono stati indossati da tante star del fashion system come Rihanna e Beyoncé.

Righe minimal incontrano le multiformi stampe africane, la sartoria europea sposa i volumi e le tinte carioa: nella collezione di Stella Jean tutto è possibile e accanto agli abiti si trovano anche una moltitudine di accessori come bracciali, cappelli, collane, turbanti. La stilista romana si fa così promotrice di un nuovo pensiero multiculturale attraverso capi sartoriali grazie ai quali porta sostegno alle comunità indigene. Infatti dietro il lavoro di taglia e cuci c’è un forte impegno etico, per i diritti delle donne e uno sviluppo sostenibile dei paesi a sud del mondo.

L’Africa è un approdo sicuro per le escursioni stilistiche di Stella, che qui viaggia spesso e ha fatto proprie le fantasie e i tessuti Bogolan del Mali (tinti a mano con il fango fermentato e lasciati essiccare al sole) da abbinare nelle sue collezioni a una camicia bianca o millerighe azzurra.

Una scoperta continua ed entusiasmante, una collezione che a me fa venire in mente un altro esperimento riuscitissimo di contaminazione, quello della linea Hybrid di Seletti. 

Anche in questa gamma di accessori per la tavola viene rappresentata un’attrazione tra opposti, almeno all’apparenza, ovvero Oriente e Occidente, Est e Ovest del mondo.

Un altro esempio di QUELLOCHEMIPIACE di cui parlerò nel prossimo post.

 

E a voi piace?

Autore dell'articolo: Ilaria Traditi

giornalista, web writer, content editor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *